6 febbraio 2018

Ecco come nasce un colorificio a Roma

Non sono cresciuta a Roma. All’età di un mese “faccio le valigie” per seguire la mia famiglia in Germania ad Amburgo, e da allora ogni 3-4 anni mi toccherà rifarle per cambiare abitudini, scuola, amicizie, lingua, clima, passando da Amburgo a Ginevra, Capri, Panama, Montevideo. Questo percorso mi fa diventare una persona curiosa e aperta; il dover tanto spesso e rapidamente adattarmi a cose nuove ha sviluppato in me spirito d’osservazione e criteri di valutazione che viaggiano veloci e che mi sarebbero stati presto utili una volta che avrei aperto il mio colorificio.

Roma dovrà aspettare

Sabina Guidotti, colorificio Bludiprussia

Pur essendomi iscritta all’università con l’intenzione di diventare oceanografa riprendo subito a viaggiare e comincio a lavorare nella moda, ricercando piccole produzioni d’avanguardia da portare in Italia. Lavoro a Milano per 4 anni finché un giorno parto per un lungo (ennesimo) viaggio nell’Europa dell’Est, proprio nel momento del crollo del muro di Berlino! Percorriamo migliaia di chilometri in camper e perciò senza problemi di bagaglio. Io che sono curiosa, sono alla ricerca di “chicche” da riportare a casa. In un mercato trovo dei vecchi attrezzi usati per decorare le pareti, alternativa economica e di rapida esecuzione alla tappezzeria, sopravvissuta negli anni in quei paesi per ovvii motivi.

Mi innamoro di questi oggetti! Sono rulli incisi a mano, l’iconografia è sterminata e molto evocativa, semplice e ricca al tempo spesso. A mio parere emanano qualcosa di poetico e ne sono fortemente attratta. Tornata in Italia, decido di imparare la tecnica per farla diventare il mio lavoro. Il mio progetto ha inizio a Firenze nella bottega di un restauratore che mi farà scoprire i trucchi e mi insegnerà per la prima volta a preparare i MIEI COLORIColori colorificio Roma BludiprussiaQuesta esperienza resta nel mio cuore come un fermo immagine, quasi un quadro del Rinascimento Toscano.  Il colore mi conquista, divento subito selettiva e avverto l’esigenza di fare abbinamenti sempre più raffinati e vibranti, cerco i “migliori” colori sul mercato. Leggo un intervista a David Oliver su “House and Garden”, famosa rivista inglese di settore. A seguito delle parole di David, così perfettamente in sintonia con il mio pensiero, decido di partire per conoscerlo e vado a Londra. Siamo nel 1996.

David Oliver

David, conosciuto in GB come “the rock star of colour” è il fondatore della Paint Library, famoso e iconico brand di colori con base a Chelsea. Diventiamo amici e collaboriamo per allestire stand nei principali saloni di interior design di Londra, lui con i suoi colori e io con i miei rulli. Lui mi trasmette lo spirito necessario per operare con i colori e il mio occhio si affina, imparo così a usare il colore negli interni. Lavorare con lui mi porta a decidere di creare uno spazio dedicato al colore anche nella mia città.  Dovranno passare ancora anni ma questo progetto resta vivo in me.Io con David Oliver presso il colorificio Bludiprussia

Apro il colorificio

Nel 2003, finalmente riesco a realizzarlo aprendo il colorificio Bludiprussia a Roma, in Viale Pinturicchio n. 10, rimasta ad oggi l’unica sede dell’attività.   Ben presto questa nuova “energia” del colore conquista tutti, clienti e collaboratori. Ricordo ancora il giorno in cui incominciarono a chiedermi di poter fare come me le consulenze colore e imparare questo mestiere. Sono orgogliosa di avere introdotto in Italia questo approccio al colore, aprendo la strada a questa nicchia dell’interior design. Negli anni, tanto per non perdere l’allenamento e la sana abitudine, non sono mancati viaggi all’estero e in Italia sempre alla ricerca di nuovi prodotti. Sono tornata spesso a casa con il carniere pieno, portando al mio colorificio di Roma le pitture a calce e le ricette antiche di Springcolor, gli amati vecchi ma attualissimi pattern di William Morris disponibili in carte e tessuti, i meravigliosi colori fiamminghi di Emente, i cementi francesi  di Marius Aurenti e di Mercadier e ora anche le resine italiane della Paint Makers… e ancora tante cose che ho sempre avuto  la gioia di condividere con collaboratori e clienti.Prodotti del colorificio Bludiprussia, sede di Roma

PER INFORMAZIONI CONTATTACI: