3 febbraio 2018

La diffusione della carta da parati in Italia dal dopoguerra ad oggi

la carta da parati in italia bludiprussia

La scelta di utilizzare le carte da parati per coprire i muri delle abitazioni private è naturalmente soggetta alle mode, e come ogni altra cosa in fatto di arredamento è possibile osservare cicli in cui tale opzione ha avuto maggiore diffusione e momenti in cui invece la carta è stata meno apprezzata, almeno come finitura d’arredo ad uso di massa.

Prima del secondo dopoguerra la carta da parati era semplicemente riservata ai ceti abbienti cittadini, pertanto la sua diffusione sul mercato era naturalmente limitata dallo scarso tenore di reddito di buona parte della popolazione italiana.

Tra gli anni ’50, ’60 e ’70 le carte da parati, complice lo sviluppo economico in cui era immerso l’intero paese, hanno vissuto la loro massima diffusione commerciale in Italia, essendo diventate relativamente accessibili ai diversi strati sociali della popolazione ed avendo trovato terreno favorevole nel contemporaneo boom dell’edilizia privata residenziale nei maggiori centri cittadini.

Tra gli anni ’80 e ’90 del secolo scorso la carta da parati ha subito invece una relativa flessione, cessando di rappresentare una finitura ‘di lusso’ da raggiungere a tutti i costi e diventando invece una scelta di gusto soggettiva, talvolta apprezzata dai proprietari di casa e talvolta invece del tutto scartata in favore della più semplice e tradizionale pittura delle pareti, con fondi bianchi o anche tinte colorate.

A partire dalla ripresa del millennio le carte hanno quindi vissuto un periodo di forte rivisitazione che le ha rese, oggi, di nuovo appetibili per un’importante fascia di consumatori: le giovani coppie.

Le ragioni che hanno determinato la ripresa nel consumo di carte da parati da parte dei nuovi nuclei familiari, almeno negli ultimi dieci anni, sono da ricercare nei gusti e nel lifestyle che attualmente orientano le preferenze di quella fetta di cittadinanza – forse non maggioritaria me certamente interessante per la sua influenza in fatto di moda – che accede per la prima volta (o per la prima volta in modo stabile, più probabilmente) al possesso di un’abitazione residenziale, ovvero quelle coppie che forse per la prima volta hanno la possibilità di investire dei risparmi nell’arredamento dell’appartamento che hanno scelto come casa.

Motivazioni semplici che hanno permesso al settore di riprendersi ed innovarsi, anche dal punto di vista dell’offerta commerciale.

  • Nelle attuali condizioni di mercato la carta da parati è riuscita a competere con le tinte commerciali pregiate (e ancora di più con le tinte personalizzate dell’artigianato industriale) dal punto di vista del prezzo. Pur non avendo spesso la disponibilità economica per affrontare la tinteggiatura professionale di un intero appartamento, le giovani coppie spesso non vogliono rinunciare ad inserire qualche nota di colore nelle proprie stanze ed hanno pertanto trovato nella carta da parati un’alternativa valida ed economicamente abbordabile.
  • I nuovi nuclei familiari sono composti da giovani che per lo più accedono per la prima volta ad una residenza davvero stabile all’interno di un determinato appartamento. Negli anni degli studi (o semplicemente prima di trovare un partner consolidato con cui convivere) questi consumatori hanno molto probabilmente abitato in appartamenti ‘di fortuna’, quasi sicuramente in affitto e talvolta in compagnia di altri coetanei con cui dover condividere le spese mensili. Dopo anni di soluzioni a dir poco sbrigative oggi, avendo stabilizzato la propria sistemazione abitativa e familiare, accedono forse per la prima volta alla possibilità di arredare casa secondo i propri gusti, e si rivolgono quindi con rinnovato interesse alla finitura e al complemento d’arredo, ovvero tutti quegli elementi cui hanno naturalmente dovuto rinunciare in precedenza per motivazioni economiche o semplicemente connesse alle circostanze oggettive connesse al proprio domicilio.
  • Il settore ha saputo interpretare ed assecondare tale rinnovato interesse proponendo colorazioni, fantasie e materiali decisamente innovativi rispetto al passato. Semplicemente le moderne carte da parati rappresentano davvero una soluzione pratica, economica e versatile per aggiungere colore e fantasia ad un ambiente domestico, senza necessariamente fare i conti con la tinteggiatura diretta delle pareti che, se non altro, richiede materiali professionali e manodopera esperta per produrre risultati all’altezza delle aspettative.

PER INFORMAZIONI CONTATTACI: