Archivi tag: Pattern

7louise body copia

Pattern, the real story

La necessità di personalizzare il proprio spazio, di lasciare il segno, inizia con la storia dell’uomo. E si trasforma via via in decoro.

La parola pattern, significa modello o schema, nel caso dei parati schema di un decoro. Non è traducibile nemmeno in francese anche se la Francia è stata la culla dei parati, delle mode e dell’industria ad essi legati. Disegno? Motivo? Decoro? Vanno bene tutte purchè vi si aggiunga un importante aggettivo : seriale o ripetitivo . Per essere precisi, in italiano servono due parole per parlare di PATTERN. Geometrici, fitomorfi, floreali, esotici, barocchi, figurativi, psichedelici, storici, commemorativi e tanti altri ancora purchè ripetitivi !

Fino al 1830 circa, le carte vengono stampate a mano o alla pressa e sono in fogli. La richiesta sul mercato aumenta e per fargli fronte, in GB iniziano ad incollare i fogli per ottenere rotoli di carta. Per stampare i decori, vengono creati rulli di varie dimensioni e vari materiali, legno, feltro, gomma, rame…il pattern o motif répétitif diventa presto il più diffuso.

Si inventano tante nuove tecniche di stampa, e la riduzione dei costi di produzione dalla metà del XIX secolo in poi,  favorisce l’introduzione delle carte anche nelle case borghesi e meno lussuose.

Dopo il 1860, nasce il movimento Arts and Crafts, capeggiato dall’iconico William Morris, i loro PATTERN avranno un enorme successo. Da Bludiprussia abbiamo tutte le attuali e passate collezioni in tutte le varianti disponibili.

Siamo da sempre grandi appassionati ed è sempre bello poterli condividere.

Ho provato da sempre a non perdere quel messaggio creativo, ricercando gli eredi di quell’epoca, le persone appassionate che hanno scelto, nel XXI secolo di essere designer e artigiani con talento e creatività, anche a costo di auto prodursi. Vantiamo tra le nostre proposte alcune meravigliose realtà di nicchia come Lindsay Alker, Kiran Ravilious, Louise Body, Rapture and Wright ed altri che stiamo per introdurre…

Le carte che abbiamo scelto, non riflettono solo questo mood ma portano nelle case anche storie del presente e sensazioni piene di insolita energia come quelle dei Minimoderns o le raffinatissime e grandiose fantasie di Christopher Farr.

Per non parlare di Cole&Son e del loro enorme repertorio o della Little Greene che disegna le sue in collaborazione con l’English Heritage usando PATTERN originali dello storico archivio.

Naturalmente abbiamo anche una vasta offerta di stencil o mascherine per realizzare decori che riescono, anche riproducendo pattern contemporanei, a mantenere la misteriosa e umana vibrazione del fatto a mano.

Per provare ancora, come allora, a lasciare il segno.

Sabina Guidotti